Apr 19, 2012 - Fai da te, Meccanica    3 Comments

Come costruire un crogiolo in ferro

Ciao a tutti, rieccomi qui dopo mesi che non scrivevo più articoli inutili!
Oggi vi spiegherò come costruire un crogiolo. Lo userò principalmente per fondere il piombo e magari anche alluminio, rame e bronzo.. Non so ancora esattamente quanti gradi raggiungerò nella mia piccola fornace! 😉

Ho fatto un progettino con Google SketchUp, sono ancora indeciso se mettere o no le due alette interne che regolerebbero il flusso del metallo fuso. Per ora credo che non le metterò, poi vedremo.

ATTENZIONE: le operazioni di taglio e saldatura possono essere pericolose per te e per chi ti sta vicino se fatte da persone non competenti! Raccomando di indossare sempre indumenti e protezioni adeguate (guanti, occhiali, maschera per saldare, etc..).
Cerchiamo di no farci male inutilmente! 😉

Per cominciare avete bisogno di un tubo in ferro abbastanza spesso e del diametro di circa 12-15cm.
Io avevo a disposizione questa flangia, il tubo ha un diametro di 14cm (esterno) e uno spessore di 4mm.

Tagliate il tubo in modo da ottenere un cilindretto da circa 14cm di altezza.

Prendete una piastra sempre da 3-4mm di spessore e, appoggiando il cilindro, disegnatene la circonferenza.

Tagliate la piastra lasciando un bordo di circa 1cm intorno alla circonferenza, servirà per la saldatura.

Potete anche non rifinire il bordo, tanto verrà sistemato dopo.
Ripulite la superficie nelle zone che andrete a saldare.

Molate il bordo inferiore del cilindro (la parte da saldare) in modo da ripulirlo e aumentarne la superficie di contatto per la saldatura.

Fate un primo giro di saldatura cercando di non lasciare buchi.

Fate un secondo giro di saldatura sopra il precedente per rinforzare la struttura e chiudere gli eventuali buchini.

Ora per preparare l’anellino posto sul retro prendete una bacchetta di ferro dal diametro di circa 1cm e piegatela su un’estremità creando una ‘U’.
Questo anellino servirà poi per agganciare il crogiolo durante la fase di colatura del metallo fuso.

Tagliate la bacchetta per ottenere solo la semi-asola.

Dopo aver rifinito tutto il bordo inferiore del crogiolo molando i lembi in eccesso, saldate la ‘U’ in basso cercando di lasciare meno residui possibili all’interno dell’asola (potete anche saldare solo all’esterno per evitare di dover poi rimuovere residui al suo interno).

Ora pensiamo al beccuccio, diciamo che non è obbligatorio ma facilita molto la colata e la rende più precisa.
Prendete una lastrina di ferro sempre da 3-4mm di spessore (potete usare un ritaglio della lastra usata per il fondo), la tagliate ad un’altezza di 5cm e la piegate a circa 50°.

Tagliate in obliquo cercando di ottenere un “naso” al rovescio.

Appoggiando il beccuccio sul crogiolo, segnate la ‘V’ e tagliate.

Se necessario rifinite i bordi con una mola o una lima.

Ora prepariamo i due perni laterali che serviranno a sostenere il crogiolo durante la colata.
Io ho preso due vecchie viti con la parte più stretta del diametro di circa 16mm.
Il peso che dovranno reggere sarà parecchio, facciamo due conti.
Calcoliamo il volume del cilindro: raggio x raggio x pigreco x altezza = 2154.04 (7 x 7 x 3,14 x 14 x )
Il peso del piombo è di circa 11,35kg per decimetro cubo quindi 0.01135 per centimetro cubo.
2154.04 x 0.01135 = 24.448kg
Se il crogiolo fosse pieno di piombo arriverebbe a pesare quasi 24 chili e mezzo! Senza contare il peso del crogiolo stesso..
Usate dei perni belli grossi e saldateli bene mi raccomando.

Tagliate lasciando circa 2cm di perno.
La capocchia della vite non farà “scappare” dai lati il ferro con cui si solleverà il crogiolo.

Saldate il beccuccio attorno alla ‘V’ tagliata in precedenza.
Saldate anche i due supporti laterali cercando di allinearli su un’asse immaginario che attraversi il crogiolo perpendicolarmente.

Ecco alcune foto del crogiolo finito:

Se deciderò di mettere anche le due alette citate all’inizio, per regolare il flusso del metallo durante la colata, posterò le foto della modifica.
Ciao e arrivederci con altre cose inutili.. 😉

3 Commenti

  • ce que je cherchais, merci

    • Kekko

      Vous êtes les bienvenus, salut!

  • Kekko

    Vous êtes les bienvenus, salut!

Hai qualcosa da dire o suggerire? Lascia il tuo commento!

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su OK o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi